Hud il selvaggio

 D’estate, dormivo con la testa rivolta verso il fondo del letto, in modo da poter vedere la luna e le piante fuori dalla finestra. Così, capivo quale vento soffiasse e al mattino potevo osservare i recinti e vedere il nonno e gli altri cowboy che sellavano i loro cavalli in vista del nuovo giorno di lavoro. Quella primavera mi è capitato spesso di dormire solo poche ore, molto meno di quanto un adolescente avrebbe dovuto, ma le notti erano come un campo, che lasciai ben seminato.

Larry McMurtry, Hud il selvaggio, Mattioli 1885, € 16,00

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: